Ti trovi qui: Home » In Comune » UNHCR, Comune di Torino e Mosaico lanciano il servizio integrato per promuovere l’inclusione dei rifugiati

UNHCR, Comune di Torino e Mosaico lanciano il servizio integrato per promuovere l’inclusione dei rifugiati

È stato lanciato oggi, nella Sala Rossa del Consiglio Comunale di Palazzo Civico, il nuovo centro One-Stop-Shop del Servizio Stranieri del Comune di Torino che aumenta l’offerta dei servizi disponibili per richiedenti asilo e rifugiati in via Bologna 49/A. Il progetto, realizzato con la collaborazione dei Servizi anagrafici comunali, dell’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, e di diverse istituzioni cittadine, mira a favorire l’accesso a servizi legali, psicosociali e amministrativi per supportare i richiedenti asilo e i rifugiati nel processo di integrazione e inclusione sociale.

La presentazione del centro ha avuto luogo durante l’evento inaugurale della Settimana internazionale dei diritti, dell’ambiente e delle culture organizzata in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato dall’associazione Mosaico – Azioni per i Rifugiati, in collaborazione con il Comune di Torino e l’UNHCR.

Mosaico è un’associazione fondata a Torino nel 2006 per iniziativa di un gruppo di rifugiati originari di diversi Paesi.

Da questa settimana, oltre ai servizi di informazione, assistenza, supporto amministrativo e orientamento erogati dagli operatori e mediatori del Comune e dell’associazione Mosaico, in via Bologna 49/A, è attivo anche uno sportello dell’ASL Città di Torino dedicato a richiedenti asilo e rifugiati, che consente l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale e la scelta del medico curante. Nel corso del 2022, altri servizi saranno resi disponibili grazie alla collaborazione con l’Anagrafe comunale, l’Agenzia Piemonte Lavoro, la Prefettura e la Questura e realtà della società civile.

I servizi sono rivolti in particolare a rifugiati e richiedenti asilo che si trovano fuori dal sistema di accoglienza formale.

“La creazione di uno spazio comune polifunzionale presso il Servizio stranieri della Città di Torino nasce da una collaborazione inedita tra amministrazioni diverse”, ha dichiarato Jacopo Rosatelli, Assessore al Welfare e alle Pari opportunità della Città di Torino. “Per la prima volta, istituzioni a vario titolo coinvolte nel percorso di inclusione delle persone rifugiate opereranno nello stesso luogo, per offrire una risposta integrata. Al centro ci saranno la persona e i suoi bisogni”.

“Questo progetto è virtuoso perchè mette insieme più enti e istituzioni che dialogheranno per offrire in maniera sinergica una serie di servizi a supporto di richiedenti asilo e i rifugiati. L’anagrafe sarà presente, perchè questa azione è coerente con il nostro obiettivo di estendere il più possibile i servizi anagrafici a tutta la città, in una logica di inclusione e di attentenzione anche verso i cittadini più fragili” ha dichiarato Francesco Tresso, Assessore ai Servizi demografici e statistici della Città di Torino.

“Il modello One-Stop-Shop è una parte importante della nostra risposta a supporto dell’integrazione in Italia e vede il coinvolgimento diretto delle associazioni di rifugiati, della comunità locale e dei beneficiari nell’erogazione dei servizi stessi”, ha dichiarato Chiara Cardoletti, Rappresentante dell’UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino. “Solo lavorando insieme possiamo affrontare in modo efficace le numerose sfide che rifugiati e richiedenti asilo devono affrontare per costruirsi una nuova vita in Italia”.

“Facendo tesoro delle nostre esperienze vissute, vogliamo contribuire a questo progetto che intende facilitare il percorso di inclusione sociale dei rifugiati e richiedenti asilo”, ha dichiarato Yagoub Kibeida, Direttore esecutivo dell’associazione Mosaico. “In coordinamento con le istituzioni, vogliamo fornire una risposta ai bisogni delle persone che già incontriamo nel nostro punto informativo e nel lavoro di mediazione sociale di strada, a partire dalle difficoltà nell’affrontare le procedure amministrative e nell’accesso ad alcuni servizi in modo autonomo”.

 

La Giornata Mondiale del Rifugiato

Il 20 giugno si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato, un appuntamento annuale istituito dalle Nazioni Unite per celebrare la forza, il coraggio e la perseveranza di milioni di persone in tutto il mondo che sono state costrette a fuggire dal loro paese a causa di guerre, violenze, persecuzioni e abusi dei diritti umani. Quest’anno UNHCR ha lanciato la campagna Together #WithRefugees per sensibilizzare l’opinione pubblica sul diritto dei rifugiati di essere protetti e di ricostruire la propria vita in dignità, chiunque siano e da qualsiasi luogo provengano, sempre. Il calendario completo delle attività e tutti i materiali per la campagna si trovano sul sito withrefugees.unhcr.it.

Raccogliendo l’invito di UNHCR, la Città di Torino si unirà alle celebrazioni per la Giornata Mondiale del Rifugiato 2022 illuminando di blu la Mole Antonelliana la notte del 20 giugno.

Settimana internazionale dei diritti, dell’ambiente e delle culture

Tra i temi dell’edizione 2022 della “Settimana internazionale” organizzata a Torino figura il talento artistico delle persone rifugiate: l’artista congolese René Bokoul torna in città per la prima volta dopo il suo trasferimento in Francia e inaugura una mostra delle sue opere intitolata “Torino, la mia finestra sull’Europa”, presso il Museo Storico di Reale Mutua. Durante la settimana si parlerà anche delle difficoltà burocratiche che i richiedenti asilo e i rifugiati incontrano in Italia, della partecipazione dei rifugiati, del fenomeno dello sfruttamento lavorativo e ambientale e delle prospettive del diritto di asilo a fronte dei nuovi conflitti. Il programma completo è disponibile qui.

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007
Condizioni d'uso, privacy e cookie | Impostazione cookie

Scroll to top