Ti trovi qui: Home » Cultura » Uscite di emergenza, anche per emergere

Uscite di emergenza, anche per emergere

 

di Michele Chicco

Sarà la lectio ‘Populismo e stato sociale nelle democrazie industrializzate’ del presidente dell’Inps Tito Boeri, al Teatro Regio di Torino, a dare il via il 29 marzo all’edizione di Biennale Democrazia 2017, la manifestazione è presieduta da Gustavo Zagrebelsky. La sera alle 21 ci sarà, sempre al Regio, lo spettacolo dell’Orchestra di Piazza Vittorio. L’evento finale, il 2 aprile, sarà l’incontro con Roberto Saviano ‘Il racconto del potere’.

Analizzare le situazioni di crisi, i profondi mutamenti, le opportunità, le scelte a cui l’epoca attuale ci costringe, osservare e comprendere come affrontiamo gli stati di necessità di fronte ai quali ci troviamo nei vari ambiti, sociali, politici ed economici, partendo anche da indicazioni e proposte giunte dalla cittadinanza. È tutto racchiuso nel titolo USCITE DI EMERGENZA il senso della quinta edizione di Biennale Democrazia

Nei cinque giorni dell’evento si danno appuntamento nel capoluogo piemontese 246 protagonisti nazionali e internazionali del dibattito culturale – scienza, filosofia, tecnologia, arte, economia, diritto – per una serie di confronti pubblici, con la partecipazione attiva dei cittadini e uno speciale coinvolgimento dei più giovani. Nel corso degli incontri ci si confronterà sulle emergenze, cogliendo anche le opportunità di cambiamento e di nuovi inizi.

Tra i molti ospiti internazionali: la scrittrice e giornalista Elizabeth Kolbert, Christane Taubira, una delle più importanti protagoniste della politica francese degli ultimi anni, Josep Borrell, che è stato Presidente del Parlamento europeo, lo scrittore Nicolai Lilin, il blogger e studioso degli effetti sociali delle nuove tecnologie Evgeny Morozov, l’esperto di emergenze e commissario unico per la rigenerazione di New Orleans dopo l’uragano Katrina Edward Blakely, l’antropologa ed esperta di hacking Gabriella Coleman, i fotoreporter Fabio Bucciarelli e Diego Ibarra Sánchez, l’imam donna Sherin Khankan.

Tra i relatori: Emma Bonino, Roberto Saviano, Dario Argento, Massimo Cacciari, Tito Boeri, l’esperta di innovazione digitale Francesca Bria, la scienziata Elena Cattaneo, l’imprenditrice Regina Catrambone, Enrico Letta, Mario Calabresi, Maurizio Molinari, Lucia Annunziata, Enrico Mentana, Gad Lerner, Riccardo Iacona, Antonio Padellaro.

 

La presentazione dell’edizione del 2017 si è svolta oggi al Campus Einaudi con Gustavo Zagrebelsky, Chiara Appendino, Gianmaria Ajani e Angela Rotella.

Questa edizione si caratterizza anche per due importanti novità organizzative. In primo luogo, le call rivolte a cittadini e organizzazioni (Diventa autore di BD 2017 e Organizzazioni culturali per BD 2017). Una nuova esperienza di coinvolgimento diretto della cittadinanza nell’elaborazione del programma, che ha avuto grande successo. A queste call si aggiungono i sei progetti selezionati fra le proposte delle associazioni studentesche universitarie per le quali, come da tradizione, esiste un bando dedicato. Circa un terzo degli appuntamenti è stato quindi costruito grazie alle proposte raccolte attraverso le call.

Altra novità riguarda invece le nuove sedi di Biennale Democrazia: Fondazione Merz, Scuola Holden e Film Commission Torino Piemonte ospiteranno infatti alcuni degli appuntamenti in calendario. Inoltre l’elenco delle sedi di Biennale Democrazia si arricchisce quest’anno anche del Polo del ‘900 – Palazzo San Celso, dell’Auditorium Vivaldi e di Palazzo Civico, che si aggiungono al Teatro Regio, al Piccolo Regio Puccini, al Teatro Carignano, al Teatro Gobetti, all’Aula Magna Cavallerizza Reale, al Circolo dei Lettori, all’Accademia delle Scienze e al Campus universitario Luigi Einaudi.

Come nelle precedenti edizioni, l’ingresso è gratuito per tutti gli appuntamenti fino a esaurimento dei posti disponibili, fatta eccezione per gli spettacoli al Teatro Regio di mercoledì 29 marzo e sabato 1 aprile.

Biennale Democrazia è un progetto della Città di Torino, realizzato dalla Fondazione per la Cultura Torino, sotto
l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, main partner Intesa Sanpaolo ed Eni, con il sostegno di
Compagnia di San Paolo, il contributo di Fondazione Crt, il patrocinio dell’Università degli Studi di Torino.
Partner: Reale Mutua, Smat, Terna. In collaborazione con: La Stampa. Main media partner: Rai, Rai Radio 3,
TGR. Media partner: la Repubblica, Limes.

INFO: www.biennaledemocrazia.it

 

Tag: , , , ,

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top