Ti trovi qui: Home » Società » Sostegno al reddito e progetti “personalizzati” per contrastare la povertà

Sostegno al reddito e progetti “personalizzati” per contrastare la povertà

di Mauro Gentile

La concessione di un contributo in denaro unita a un progetto “personalizzato” per superare disagio economico e riconquistare gradualmente l’autonomia.  Una misura di contrasto alle povertà offerta alle famiglie italiane attraverso il SIA (Sostegno Inclusione Attiva): un fondo statale di 750 milioni di euro istituito quest’anno che, di fatto, costituisce una evoluzione della Nuova Carta Acquisti (l’ultima versione della cosiddetta social card) sperimentata in dodici città, tra le quali Torino.

A partire da venerdì 2 settembre, le famiglie torinesi con reddito Isee non superiore a 3mila euro, almeno un figlio minorenne o disabile oppure nel nucleo anche una donna in stato di gravidanza accertata possono, in uno dei CAF convenzionati con il Comune di Torino, prenotare l’appuntamento per presentare domanda di accesso al sostegno economico SIA e ai relativi progetti che prevedono la partecipazione a percorsi costruiti insieme al nucleo familiare, che coinvolgono tutti i componenti e che, da parte di famiglia e servizi, implicano una reciproca assunzione di responsabilità. Progetti che possono prevedere l’impegno nella ricerca attiva di lavoro, nel seguire corsi di formazione e nell’accettare congrue offerte di lavoro, nell’assicurare la frequenza scolastica dei minori e dedicare attenzione alla tutela della salute di ogni componente il nucleo familiare.

Chi può fare domanda? Oltre ai requisiti relativi al reddito e alla composizione del nucleo familiare, per poterne fare richiesta occorre essere cittadini italiani o comunitari o stranieri in possesso di soggiorno per lungo periodo, essere residenti nel nostro Paese da almeno due anni, non beneficiare di strumenti di sostegno al reddito previsti per i disoccupati, non possedere autoveicoli immatricolati la prima volta nei 12 mesi antecedenti la domanda oppure autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc immatricolati nei tre anni antecedenti la domanda.

Nella valutazione della domanda e nella definizione dell’entità del contributo si tiene conto di carichi familiari, situazione economica e lavorativa, favorendo i nuclei con il maggior numero di figli minorenni, specie se piccoli (di età tra 0 e 3 anni), con un solo genitore solo e in cui sono presenti persone con disabilità grave o non autosufficienti.

Dei 750 milioni di euro del SIA stanziati complessivamente a livello nazionale per l’anno 2016, al Piemonte vanno 37 milioni e 664 mila (la ripartizione del fondo è stabilita per regioni). Ogni singolo nucleo familiare può beneficiare, per un anno, di un contributo mensile tra gli 80 e i 400 euro, che riceverà caricato su una carta elettronica di pagamento (Carta SIA). 

Informazioni dettagliate su requisiti, modalità di presentazione delle domande e criteri di valutazione, l’elenco dei CAF convenzionati con il Comune di Torino dove ricevere aiuto per la compilazione dei moduli e consegnare domanda e relativa documentazione sono disponibili on line sulla pagine web della Città di Torino, all’indirizzo www.comune.torino.it/assistenzaesanita/sia/ ,   oppure possono essere richieste telefonando al Servizio Prevenzione Fragilità Sociali (011 011 31536 – 011 011 31575), o ancora via e-mail scrivendo a torino.sia@comune.torino.it .

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top