Ti trovi qui: Home » Società » Ostensione Sindone 2015, il “regalo del Papa” alla Torino che ha bisogno di aiuto

Ostensione Sindone 2015, il “regalo del Papa” alla Torino che ha bisogno di aiuto

1bdi Mauro Gentile

Il dono di Papa Francesco alla città di Torino – il milione e 200mila euro di offerte raccolte in Duomo durante l’ostensione della Sindone e nelle parrocchie torinesi lo scorso 7 giugno, in occasione della Giornata della Carità – sarà impiegato per dare un alloggio a famiglie senza casa e in particolare difficoltà economica, per aiutare giovani disoccupati a trovare un lavoro e per assicurare sostegno a quei nuclei in cui sono presenti disabili o malati.

Ad annunciarlo questa mattina è stato l’arcivescovo di Torino, Cesare Nosiglia, nel corso di un incontro con i giornalisti in occasione dell’inizio dell’Anno pastorale. “Fra le tante povertà di cui si soffre oggi – ha spiegato Nosiglia – si è scelto di mirare gli interventi non solo alle emergenze, ma a problemi strutturali di famiglie e persone che la crisi economica ha reso più gravi e diffusi. Proporremo – ha aggiunto il presule – servizi per un’attenzione non passeggera, ma continuativa nel tempo, per le famiglie che debbono sottostare allo sfratto incolpevole o bisognose d’aiuto per situazioni particolari di disagio, per la casa, il lavoro e il sostegno dei minori, per le cure sanitarie a propri congiunti e per i giovani senza lavoro”.

L’arcivescovo ha inoltre tenuto a sottolineare che  le risorse raccolte attraverso le offerte serviranno tutte per dare un aiuto concreto a chi ha più bisogno e non verranno usate per pagare spese di personale, servizi o per altre necessità di tipo organizzativo.

Per essere subito operativi, si partirà affidandosi a programmi, strumenti e risorse professionali di Caritas, Migrantes, Fondazione Operti e – come ha sottolineato Pierluigi Dovis, direttore di Caritas Torino  – “a progetti già esistenti e alla collaborazione con enti pubblici”, come nel caso delle diverse iniziative già avviate insieme al Comune di Torino e ad altre istituzioni.
Un lavoro “in rete”, ancora una volta, per rispondere nel modo migliore e più tempestivo alla crescente domanda di aiuto che giunge in un momento di grande difficoltà per tante famiglie torinesi, come ha spiegato a Torino Click il direttore diocesano della Pastorale della Salute, don Marco Brunetti.

A proposito di torinesi e solidarietà. Dopo l’invito di Papa Francesco e la proposta dell’arcivescovo Nosiglia sull’accoglienza dei profughi, in città e in tutta la diocesi torinese un centinaio di famiglie ha già comunicato di essere disponibile a ospitare uno o più migranti, in casa propria o mettendo a disposizione un appartamento.

Tag: , , ,

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top