Ti trovi qui: Home » Altre notizie » Un Capodanno a Teatro, il programma degli spettacoli

Un Capodanno a Teatro, il programma degli spettacoli

Trascorrere la notte di Capodanno a teatro, a maggior ragione dopo gli ultimi due faticosi anni in balia di una pandemia globale, può essere un’alternativa originale e speciale: celebrando l’inizio del nuovo anno insieme a tutti gli altri ospiti in sala, e agli attori in scena!

Ecco gli spettacoli in programma:

Al Teatro Alfieri la compagnia Teatro Spettacoli porterà in scena lo spettacolo “Forbici Follia.

Commedia brillante, giallo, dramma, improvvisazione, cabaret e interazione con il pubblico:questi sono gli ingredienti di “Forbici Follia”, esilerante e divertente spettacolo il cui allestimento originale americano è di Bruce Jordan e Marylin Abrams.

L’orario d’inizio è alle 23,35

“Sogno di una notte di mezza estate” di Skakespeare  al Teatro Carignano

L’attore e regista teatrale Valerio Binasco torna a un autore al quale è profondamente legato con una commedia delicata e sottile che allo stesso tempo affronta con abilità la tematica dell’amore e le sue faticose sfaccettature.

Un tema quello dell’amore che Binasco, insieme ad altri grandi attori e attrici come Michele di Mauro, Giordana Faggiano, Olivia Manescalchi, Franco Ravera, Michele Schiano di Cola, declinerà sul palcoscenico torinese con un’intensità amata da critica e pubblico.

“Caffè nero per Poirot” di Agatha Christie viene proposto al Teatro Gioiello dalla Compagnia Torino Spettacoli il 31 dicembre 2021 e il 1° gennaio 2022.

Un’altra perfetta macchina ad alta tensione che la regina del giallo ha confezionato e che il regista Pietro Nuti ha ora deciso di offrirci in una tazza fumante.

Al Teatro Erba lo spettacolo “Finestre sul Po”.

Opera rielaborata del grande Macario, a cui Pietro Nuti rende omaggio, ha come protagonista Don Felice Cavagna, prete di montagna presso la dimora della borghese famiglia Galletti, che per celebrare l’ostensione della Sacra Sindone ha deciso di aprire la casa a persone illustri.

Chiaccherone e impiccione di natura, Don Cavagna è al centro dell’intera vicenda che lo vuole, suo malgrado, testimone del contrastato amore tra Berta Galletti e Giorgio Catelli, nipote del vescovo, atteso ospite di riguardo. E sarà a quest’ultimo che Don Cavagna confesserà i suoi peccati di gola, la sua intolleranza per la gerarchia ecclesiastica e come iil padrone di casa sia sensibile al fascino di una disinibita vedova.

Successo teatrale sin dal 1905 riproposto poi in versione cinematografica dall’attore Gino Cervi diretto da Giorgio Pastina, Alfredo Testoni è l’autore di questa pièce godibilissima, ricca di equivoci, momenti divertenti, segreti e buone forchette.

“La lettera”di Nullo Facchini e Polo Nani torna al Teatro Gobetti di Torino dopo quasi tre decenni di tournèe internazionali.

Uno spettacolo comico applaudito da migliaia di persone e premiato in tutto il mondo quello che vede sul palco con un tavolo e una valigia di oggetti, Paolo Nani che dà vita a 15 micro-storie, utilizzando l’immaginario collettivo cinematografico e il linguaggio tipico del clown, facendo ridere gli spettatori fino alle lacrime.

attends a red carpet for ‘The Little Prince’ during the 10th Rome Film Fest on October 24, 2015 in Rome, Italy.

Per la notte di capodanno 2022, il Teatro Colosseo di Torino porta in scena lo spettacolo di Angelo Pintus dal titolo “Non è come sembra”.

Un occasione per dire addio al vecchio anno e salutare il nuovo in allegria.

Al Teatro Astra “I due gemelli veneziani” , una gran macchina di divertimento con un intreccio affascinante fatto di duelli, amori e disamori, fughe, prigioni, ritrovamenti…

Ma allo stesso tempo questo testo è anche una farsa nera, eversiva, inquietante, sulla famiglia, l’dentità, l’amore (anche brutale, violentemente erotico, incestuoso) e la morte, e che nelle mani di Valter Malosti svela tutto il suo inquietante, oscuro lato noir.

I personaggi non sanno leggere o tenere a freno le proprie emozioni e i propri sentimenti.

E questo provoca altenativamente il riso e fa sfiorar loro la tragedia o li fa sprofondare in essa. Ma l’happy end necessita la morte del doppio….

E per concludere il Teatro Regio, uno dei teatri più importanti d’Italia, nonché il più grande teatro cittadino.

Ricostruito nel 1973 dopo un incendio che lo ha devastato, il teatro ospita ogni anno un ampio cartellone di prosa, danza, opera e concerti di musica classica.

In occasione del capodanno, quest’anno andrà in scena il “Concerto Oskana Lyniv” che guiderà l’orchestra del Teatro Regio di Torino.

Lo spettacolo andrà in scena solo per la serata del 31 dicembre alle ore 18.

di Antonella Gilpi

Tag:

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007
Condizioni d'uso, privacy e cookie | Impostazione cookie

Scroll to top