Ti trovi qui: Home » Società » Al via la sperimentazione di DEPS, sistema di monitoraggio dei parcheggi riservati ai disabili

Al via la sperimentazione di DEPS, sistema di monitoraggio dei parcheggi riservati ai disabili

Con la posa dei primi sensori negli stalli riservati ai disabili di fronte all’ospedale Cottolengo oggi è stato avviata la sperimentazione di DEPS, progetto della startup IOT Solutions presentato nell’ambito di Torino City Lab, il laboratorio di innovazione a cielo aperto della Città di Torino.

Il progetto DEPS – acronimo di “Disabled Easy Parking System” – mira a semplificare le operazioni di spostamento in città di una persona con disabilità. Tramite un’apposita app sarà infatti possibile conoscere in anticipo l’esatta ubicazione dei parcheggi e il loro stato di occupazione, a beneficio di una pianificazione ottimale degli spostamenti e di una più serena politica di mobility.

DEPS si propone di affiancare la sperimentazione di 5T, che sta realizzando un servizio informativo di smart parking su 132 stalli disabili in zona ospedali, al fine di creare un protocollo aperto tra le varie tecnologie nascenti nel settore.

Grazie alla collaborazione con Torino City Lab il progetto DEPS viene testato per la prima volta in una realtà urbana. Le aree di testing saranno due, l’ospedale Cottolengo e largo Cibrario, per un totale di 10 stalli interessati.

Gli stalli saranno forniti di innovativi sensori a radiofrequenza inseriti nel manto stradale, con una batteria di lunghissima durata (5-7 anni) e costi di installazione e di fornitura minimi.

Terminata la fase di posa dei sensori è prevista la fase di test dell’applicazione, che verrà rilasciata in via sperimentale ai soci della Consulta Persone in Difficoltà ed alla Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti sezione Torino, che contribuiranno a testare il servizio e l’app, sviluppata tenendo conto anche delle esigenze di utilizzo delle persone non vedenti.

L’ultima fase del progetto prevede il monitoraggio degli stalli per comprendere il loro livello di utilizzo, proprio e improprio. Un momento di verifica importante per comprendere, ad esempio, se il numero di stalli riservati davanti all’ospedale siano sufficienti a coprire le reali esigenze degli utenti con disabilità dotati di Contrassegno Unico Disabili Europeo (CUDE). Allo stesso modo può essere interessante comprendere le dinamiche degli abusi, sia per prevenirli sia per garantire un servizio migliore agli effettivi aventi diritto. In questo frangente sarà possibile testare una ulteriore APP, dedicata unicamente al controllo di eventuali infrazioni in tempo reale.

Il progetto DEPS si avvale del coinvolgimento di diversi attori: Consulta per le Persone in Difficoltà (CPD), Lions Distretto Ia1 – L.C. Stupinigi 2001, Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti sez. Torino (UICI) e la Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa (CNA).

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top