Ti trovi qui: Home » Economia » Progetto Repopp, all’interno del Mercato Centrale Torino apre una bottega solidale

Progetto Repopp, all’interno del Mercato Centrale Torino apre una bottega solidale

Crescono ancora i progetti di economia circolare della Città di Torino.  In un angolo del Mercato Centrale Torino a Porta Palazzo, nasce la bottega delle politiche alimentari.

‘Il Banco Circolare – RePoPP’, questo il nome dello spazio inaugurato oggi che ospiterà attività di sensibilizzazione contro lo spreco e di promozione di esperienze innovative di recupero e coltura, di valorizzazione della materia organica e del suolo promosse dalla Città di Torino, con dibattiti culturali incentrati sui temi della sostenibilità dei sistemi alimentari urbani e, attraverso il Food Metrics, si racconteranno gli indicatori del sistema alimentare torinese.

Al suo interno si insedierà RePoPP, il progetto della Città sostenuto da Amiat Gruppo Iren, Novamont, Eco dalle Città e ora anche dal Mercato Centrale Torino, con l’obiettivo di espandere le possibilità di conservazione delle eccedenze alimentari. Nella bottega, dotata di celle frigorifere per la conservazione, di attrezzature per la lavorazione e trasformazione di cibi e spazi espositivi, si concretizza la volontà di andare oltre la redistribuzione per valorizzare tutto ciò che viene recuperato.

Il ‘Banco Circolare’ non ha alcuna finalità commerciale e permetterà, oltre a un efficiente sistema di raccolta delle eccedenze alimentari organiche dai banchi del mercato alimentare di Porta Palazzo, a chiunque ne abbia bisogno di ritirarle gratuitamente dal lunedì al venerdì dalle 15 alle 17, fino ad esaurimento. Ma lo spazio non va visto non va visto solo come un progetto di natura sociale bensì come un centro di scambio culturale fra le anime che rendono vivo il quartiere, capace di favorire il progetto di integrazione tra le diverse etnie di Porta Palazzo.

“Il Mercato non nasce come un’impresa di passaggio» spiega il suo fondatore Umberto Montano «ma è una realtà che ‘crea valore’ rapportandosi con la città in maniera costruttiva e duratura. I nostri progetti – sottolinea – nascono sempre secondo obiettivi ben precisi e ci stanno molto a cuore integrazione e solidarietà. A Torino c’è bisogno di agevolare lo scambio, ricercare il dialogo e mettersi a disposizione anche di quei cittadini dalle variegate etnie che colorano brillantemente l’area di Porta Palazzo.”

In occasione dell’apertura del ‘Banco Circolare’, come già fatto lo scorso febbraio quando lo chef stellato Davide Scabin preparò una minestra calda con gli avanzi alimentari recuperati presso i banchi degli ambulanti del mercato dagli Ecomori e dalle Sentinelle dei Rifiuti, il Mercato Centrale Torino è tornato a proporre l’appuntamento “Bontà contro lo spreco” – in cui vari ospiti, tra cuochi e artigiani, si alterneranno mensilmente preparando pietanze gustose da distribuire gratuitamente. L’intenzione è celebrare la diversità delle comunità di Porta Palazzo dimostrando che tutte le culture e cucine possono valorizzare le eccedenze alimentari e che, contribuendo alla diffusione di buone prassi di recupero e riuso dei beni, si stimola la cittadinanza a essere solidale, favorendo altresì un consumo consapevole e l’adozione di stili di vita sani e sostenibili.

Tag:

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top