Ti trovi qui: Home » Primo piano » NUR: l’arte contemporanea per promuovere le fonti rinnovabili

NUR: l’arte contemporanea per promuovere le fonti rinnovabili

Il progetto italo-palestinese NUR – New Urban Resources si basa sull’Accordo di cooperazione siglato nel 2015 tra la Città di Torino e la Municipalità di Betlemme a sostegno dello sviluppo locale. Coordinato dall’ufficio Cooperazione internazionale e Pace della Città di Torino, NUR intende dare vita a una visione complessiva di sostenibilità ambientale, incrementando la diffusione di energia rinnovabile nel territorio di Betlemme (30mila abitanti) attraverso l’installazione di pannelli solari, l’assistenza tecnica relativa all’efficienza energetica, la formazione professionale per studenti e artigiani e la costituzione di quattro nuove start up che saranno incubate dall’Università di Betlemme.

Walled off Hotel & Gallery di Betlemme di Banksy

Il progetto vuole anche stimolare il risparmio energetico e migliorare la governance dell’energia rinnovabile attraverso un Piano energetico per la Municipalità di Betlemme, città che nel 2020 sarà Capitale araba della Cultura. Uno dei risultati di NUR è fornire un sistema per illuminare l’Albero di Natale a Betlemme, posto di fronte alla celebre Chiesa della Natività, utilizzando energia rinnovabile al 100%. L’iniziativa, che terminerà nel gennaio 2021, è co-finanziata dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (AICS) con 1,5 milioni di euro.

Tra le varie attività NUR partecipa al TIEF 2019.

Per sensibilizzare i cittadini sul tema delle energie rinnovabili grazie al linguaggio dell’arte contemporanea, nell’aprile 2019 è stato lanciato “Let it light!”, un concorso di arti visive per giovani palestinesi tra 18 e 35 anni realizzato in collaborazione con il Walled off Hotel & Gallery di Betlemme, aperto due anni fa da Banksy – probabilmente il più famoso e provocatorio street artist del mondo. In poche settimane sono giunte più di 60 candidature. La giuria, composta da artisti e critici d’arte, ne ha selezionate 21, esposte per un mese all’interno della Gallery e viste da oltre 4mila visitatori, invitati a votare le opere preferite. I quattro quadri vincitori e i loro autori saranno ospitati a Torino durante la 15a edizione di Paratissima (30 ottobre – 3 novembre 2019). Durante la kermesse gli artisti palestinesi arricchiranno il dialogo interculturale e artistico partecipando a un Talk dedicato al progetto NUR (che in arabo significa “luce”) e animando tre laboratori per bambini. 

Nella mattinata del 28 ottobre, alle 13.15, il TIEF dedicherà una sessione speciale a NUR. Dopo l’analisi condotta da Romano Borchiellini, rappresentante del Rettore del Politecnico di Torino per l’Energy Center, e incentrata sui presupposti necessari per un uso efficiente e sostenibile dell’energia proveniente dal sole, dall’acqua e dai rifiuti, si svolgerà una Tavola Rotonda. Fadi Kattan, preside della School of Business and Administration dell’Università di Betlemme, illustrerà il ruolo delle imprese private e delle start up palestinesi nel settore delle energie rinnovabili. Luigi Bisceglia, rappresentante della Organizzazione Non Governativa VIS- Volontariato Internazionale Salesiano, che da oltre 20 anni opera in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, si soffermerà sulle recenti iniziative in materia di social business. Ziad Al Sayeh, responsabile del settore Pianificazione e sviluppo della Municipalità di Betlemme, parlerà invece del ruolo di coordinamento del partenariato locale di NUR. Infine, Wisam Salsaa riassumerà l’impatto del Walled off Hotel & Gallery di Betlemme sul panorama artistico palestinese, in termini economici, sociali e culturali.

LC – EB

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top