Ti trovi qui: Home » Società » Donare il sangue, atto civile e di solidarietà

Donare il sangue, atto civile e di solidarietà

La donazione del sangue è un atto di impegno civile e di solidarietà che è condivisa in Italia da 1,7 milioni di persone e che rendono il nostro Paese autosufficiente. Nel 2016 sono state prodotte 2,5 milioni di unità di globuli rossi, 270mila di piastrine e 3 milioni di plasma. Trasfusi 8500 emocomponenti al giorno e curati 635mila pazienti. Altro dato significativo, l’83 per cento dei donatori italiani si presenta ai centri di prelievo periodicamente e non in modo occasionale.

Ma tutto questo non basta. Nel periodo estivo il bisogno di sangue si fa più pressante e per questo la Prefettura di Torino ha invitato sindaci e dirigenti delle amministrazioni periferiche dello Stato a diffondere la possibilità di donare sangue tra i propri dipendenti e verso cittadini e cittadine, soprattutto verso i giovani.

Il Vademecum Avis  e il sito della Fidas offrono una ricca mole di informazioni sulla donazione e indica le sedi di raccolta. Si stima che nei prossimi anni il numero dei donatori potrebbe scendere del 5 per cento, pertanto è doveroso sensibilizzare la popolazione affinché il flusso di solidarietà non si spenga ma anzi ritrovi vigore e efficacia. (mm)

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top