Ti trovi qui: Home » Territorio » Un bosco davanti all’inceneritore. Torna “Mille Alberi a Torino”

Un bosco davanti all’inceneritore. Torna “Mille Alberi a Torino”

Cittadini e amministrazione, insieme, si prendono cura della Città di Torino. Domenica 19 novembre 2017 (condizioni climatiche permettendo), per celebrare la Giornata Nazionale dell’Albero fissata dalla Legge 10/2013 il 21 novembre di ogni anno, verranno piantati dai cittadini 600 nuovi alberi in collaborazione con i tecnici del Comune e il gruppo Badili Badola Guerrilla Gardening (Official) Turin. Appuntamento alle ore 10 e fino alle ore 13 di fronte all’inceneritore del Gerbido, in via Paolo Gorini 50.

Piante, pale e zappe sono messe a disposizione dal Servizio Verde Pubblico della Città di Torino. Tutti i torinesi sono invitati a partecipare.

“Creare un bosco di mille alberi davanti all’inceneritore ha un forte valore simbolico – ha affermato l’assessore all’Ambiente e al Verde Alberto Unia – gli alberi rappresentano il futuro mentre bruciare i rifiuti è una traccia del passato, da superare gradualmente sostituendo a questo impianto già obsoleto un moderno impianto di riciclo inserito nel sistema virtuoso dell’economia circolare”.

Questo è il terzo passo di “Mille Alberi Torino”, e segue gli appuntamenti del 21 novembre 2016, in Circoscrizione 6 (lungo Stura Lazio), e del 14 maggio 2017, in Circoscrizione 8 (via Zino Zini).

Il progetto, promosso dalla sindaca di Torino Chiara Appendino e dall’assessore all’Ambiente Alberto Unia, prevede la piantumazione partecipata nei prossimi cinque anni di molti nuovi alberi in tutte le Circoscrizioni della Città.

Si invitano tutti i partecipanti a vestirsi in modo adeguato per il lavoro da svolgere (scarpe adatte) e a portare con sé un paio di guanti da giardinaggio.

In caso di maltempo l’iniziativa sarà rinviata.

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top