Ti trovi qui: Home » Economia » Un tavolo per nuovi investimenti produttivi

Un tavolo per nuovi investimenti produttivi

di Piera Villata

appendinoQuesta mattina a Palazzo Civico si è tenuta la prima riunione per l’avvio del Progetto “Open for business”, piano operativo per favorire l’insediamento di nuove imprese produttive nella città di Torino, nell’area metropolitana e nella regione Piemonte.

Obiettivo del Piano è quello di attivare nuovi investimenti produttivi sull’area torinese e piemontese per sviluppare il tessuto industriale e avviare iniziative per contrastare il disagio sociale causato dalla crisi, anche alla luce dei recenti eventi internazionali come il referendum del Regno Unito.

All’incontro erano presenti la Sindaca Chiara Appendino, il Presidente della Regione Sergio Chiamparino, il Rettore del Politecnico Marco Gilli, il Rettore dell’Università Gainmaria Ajani, il Presidente della Camera di Commercio Vincenzo Ilotte, il Direttore Generale dell’Unione Industriale Giuseppe Gherzi, il Dirigente del Ministero dello Sviluppo Economico Stefano Firpo e il Presidente del CEIP Pierpaolo Antonioli.

“Il nostro territorio – ha affermato la sindaca Appendino – vanta la presenza struttturata di competenze ed esperienze, coniugata con una rete universitaria e di ricerca di alto prestigio che costituisce un vantaggio competitivo per chi desideri insediare le proprie attività. E’ necessario attrarre investimenti produttivi a Torino e in Piemonte per sviluppare il tessuto industriale. La nostra città ha un patrimonio immenso: automotive, aerospazio, bio-medical, telecomunicazioni, agroalimentare e puntiamo su elementi di innovazione come la mobilità sostenibile”.

Nell’incontro sono stati trattati temi come l’implementazione dello sportello SUAP come unica interfaccia della Pubblica Amministrazione per le imprese, la   riduzione della burocrazia per sbloccare le risorse disponibili, la redazione e attuazione dei piani di marketing per individuare possibili investitori e il supporto per il progetto free tax area per potenziali siti con tassazione ridotta.

“Torino è una città che è stata colpita duramente dalla crisi – ha sottolineato il rappresentante del Ministero dello Sviluppo Economico –  e potrebbe essere considerata un’Area di Crisi non Complessa per riversare investimenti attraverso gli incentivi previsti dalla legge 181, mentre con la legge 808 stiamo già finanziando investimenti per lo sviluppo e l’accrescimento della competitività delle industrie operanti nel settore aerospaziale, inoltre abbiamo a disposizioni strumenti flessibili e veloci per investimenti in ricerca e sviluppo”.

I rettori delle due Università hanno rimarcato come il Piemonte dal 2008 sia l’unica regione in cui gli studenti universitari sono aumentati e siano allo studio  progetti, start-up e risorse per lo sviluppo del territorio per una economia più d’avanguardia.

A conclusione dell’incontro, è stato deciso di sottoscrivere un protocollo d’intesa dove ogni soggetto istituzionale coinvolto, individui ruoli e strumenti per dare piena operatività al progetto.

L’avvio del progetto è previsto per l’inizio del nuovo anno.

 

 

 

Tag:

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top