Ti trovi qui: Home » Cultura » TalenTo: gli studenti realizzano un progetto per un’azienda piemontese

TalenTo: gli studenti realizzano un progetto per un’azienda piemontese

di Mariella Continisio

TalenTo “creare una nuova cultura del lavoro” è uno dei progetti del Piano Adolescenti della Citta di Torino, promosso dall’Assessorato alle Politiche educative, guidato da Mariagrazia Pellerino.

 Nella scorsa edizione le ragazze e i ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado hanno incontrato il gruppo di giovani imprenditori e professionisti della rete Yes4to che hanno raccontato, attraverso un gioco di ruolo, le loro esperienze di successo nel realizzare le oro idee di impresa.

TalenTo

Agli incontri nelle scuole hanno fatto seguito le visite in alcune realtà aziendali sempre della rete attivata dall’Associazione di associazioni di giovani imprenditori Yes4to.

 

Quest’anno parte la 3^ fase: gli studenti andranno nelle aziende non soltanto per visitarle, ma per provare cosa significa concretamente lavorare in una organizzazione.

 

Con TalenToha spiegato Pellerino – abbiamo dato ai giovani studenti la possibilità di conoscere le dinamiche delle aziende e del fare impresa, un’occasione per cimentarsi in un progetto concreto che li aiuti a comprendere le logiche del lavoro. Gli studenti hanno imparato a lavorare in team e con scadenze e obiettivi prefissati per raggiungere obiettivi definiti. Torino si allinea così alle direttive governative sull’alternanza scuola-lavoro”.

 

Un progetto sperimentale di alternanza scuola – lavoro per far scoprire ai ragazzi il mondo delle aziende. Un gruppo di studenti delle classi III e IV del liceo Giordano Bruno hanno sviluppato un progetto di marketing grazie a TalenTo.

 

Si tratta di una nuova sperimentazione con un’azienda di cosmetici dell’area metropolitana associata al Gruppo giovani dell’Unione Industriale di Torino. Gli studenti hanno lavorato per costruire l’etichetta di un prodotto di cosmesi “Unico” che l’impresa dona ad associazioni di volontariato Casa Oz, Sermig, Monastero di Bose. In un secondo step i ragazzi struttureranno un piano di comunicazione per il lancio di “Unico”.

TalenTo

Siamo partiti con l’idea dell’albero, simbolo della natura, qualcosa che cresce spontaneamente – ha spiegato Lorena una delle ideatrici dell’etichetta di “Unico”, il detergente liquido per il corpo – .  Con Giulia e Michele, con cui ho lavorato insieme, avevamo realizzato un’immagine troppo ricca di elementi, che, ci hanno spiegato, non era adatta a un prodotto che deve esprimere un’idea di solidarietà, di unione, di accoglienza. Allora abbiamo pensato a un albero stilizzato, i cui rami erano formati da tante mani colorate per attirare l’attenzione dei bambini e per creare un’etichetta che esprimesse la gioia di vivere”.

 

Dario che si è occupato di creare dal disegno dei compagni il file per realizzare l’etichetta in “vettoriale” ha raccontato di aver lavorato “con una grande passione. Abbiamo tirato fuori tutte le nostre capacità”.

Per noi è stato un esperimento importante – ha spiegato Anna Maria Pegoraro, l’insegnante del liceo Giordano Bruno che ha lavorato con i ragazzi –  perché diversamente dagli istituti tecnici, non abbiamo contatti con le aziende. E quando con il progetto “La buona scuola” è stata inserita l’alternanza scuola lavoro, la nostra scuola si è trovata in difficoltà. Grazie alla collaborazione con Yes4to siamo riusciti a trovare l’azienda che produce “Unico” e che ci ha aperto le porte. In 40 giorni abbiamo sviluppato il progetto e stiamo lavorando per la seconda parte del programma che prevede l’elaborazione di una strategia comunicativa di sviluppo e diffusione del prodotto attraverso la creazione di un sito web, lo slogan e il claim”. “Esperienze come queste sono importanti per i ragazzi perché servono a comprendere quali possibilità hanno quegli studenti che decidono di non andare all’Università” ha concluso la professoressa.

TalenTo

 

La seconda edizione di TalenTo vede impegnate le 18 associazioni che compongono Yes4to con numeri e adesioni da parte degli istituti scolastici sempre crescenti.

Quest’anno, infatti, hanno aderito 20 istituti, per un totale di 2mila studenti coinvolti che hanno incontrato imprenditori, professionisti e giovani manager nell’ormai consolidato format del gioco di ruolo a scuola.

Anche le visite alle imprese di Torino e provincia sono aumentate: a oggi sono stati accolti 500 studenti, grazie anche al proficuo supporto dell’ufficio scuola dell’Unione Industriale di Torino.

 

La coordinatrice dell’associazione Yes4to, Barbara Graffino, si dice soddisfatta del progetto: “Credo che questa sperimentazione fatta con il liceo Giordano Bruno e l’azienda produttrice che ringrazio, si inscriva perfettamente nella logica dell’alternanza. Siamo contenti di averlo realizzato e speriamo che esperienze come questa possano ripetersi con maggiore frequenza. Crediamo che l’educazione all’imprenditorialità e progetti come questo formino giovani più consapevoli e più attrezzati ad affrontare le sfide del futuro”.

 

 

 

 

 

Tag:

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top