Ti trovi qui: Home » Senza categoria » “Scuola 2.0” un progetto per la didattica digitale

“Scuola 2.0” un progetto per la didattica digitale

di Mariella Continisio

Dodici scuole elementari e medie di Torino saranno connesse con rete a banda larga in tutto l’edificio scolastico, agli insegnanti si farà formazione informatica e sarà prevista nelle aule l’assistenza tecnica: Caduti di Cefalonia, Arturo Toscanini, Giuseppe Perotti, Costantino Nigra, Giovanni Pestalozzi, Duca degli Abruzzi, Amedeo Peyron, Achille Dogliotti, Margherita di Savoia, Aristide Gabelli, Fratelli Cairoli (la dodicesima scuola sarà individuata a breve). Si lavorerà per diffondere la didattica innovativa e digitale, l’informatica, il pensiero computazionale. “Abbiamo creato un nuovo servizio informatico sulla didattica  – ha sottolineato Mariagrazia Pellerino, assessora alle Politiche educative della Città – che si affianca agli altri servizi che diamo alle scuole”.

Si tratta di un progetto pilota per mettere insieme un intero menu di proposte, dall’infrastruttura alla didattica, per fare una “Scuola 2.0” completa. Questo sguardo a 360 gradi sul tema scuola digitale è stato reso possibile dalla collaborazione tra Città, Politecnico di Torino, Csi Piemonte, Csp Innovazione nelle Ict, Comitato Ict, Istituto Superiore Mario Boella e Compagnia di San Paolo. Si metterà a disposizione delle scuole la rete del Consorzio Garr, rete a banda larga dedicata agli Atenei e alle Istituzioni di ricerca. “Il progetto mette a frutto esperienze, competenze e infrastrutture già esistenti e mira a costruire con studenti, insegnanti e genitori un contratto educativo che preveda un uso consapevole delle nuove tecnologie a casa e a scuola” sottolinea Pellerino. Un’iniziativa importante per la scuola finanziata, per la fase di avvio e per la gestione delle reti, dall’Istituto Boella (Compagnia di San Paolo) e dal Comitato per le Ict per un importo pari a 170mila euro. La Città, inoltre, si avvarrà del Csi Piemonte per la realizzazione di tutte le attività di sua competenza.

Il progetto “Scuola 2.0” si sviluppa in quattro ambiti: connettività, infrastruttura interna, predisposizione di laboratori informatici, didattica 2.0.  Quattro istituti scolastici saranno connessi attraverso la fibra ottica, gli altri otto con ponti radio. La connettività a banda larga alla rete Internet sarà garantita attraverso il consorzio nazionale Garr, rete della ricerca del Miur. Per quanto riguarda l’Infrastruttura, la distribuzione interna agli edifici della connessione sarà effettata con tecnologie wireless.

Oltre alle verifiche tecniche previste dalla normativa in relazione alle emissioni elettromagnetiche sono state effettuate misurazioni specifiche del campo elettromagnetico presente nei locali con apparecchi wifi spenti e accesi, secondo le indicazioni espresse dal Consiglio Comunale, che sollecita la massima prudenza quando si adottano queste tecnologie wireless in luoghi sensibili come le scuole.

I laboratori informatici sono stati predisposti utilizzando pc acquisiti attraverso donazioni, da rigenerare sia nella parte hardware, sia nel software con l’istallazione di sistema operativo e applicativi open source. Sono già attivi oltre 20 laboratori in altrettante scuole elementari e medie. Lo stesso numero di laboratori sarà istallato il prossimo anno.

E’ previsto anche un percorso formativo per assicurare l’operatività dell’infrastruttura interna rivolto agli insegnanti e ai tecnici delle scuole per gestire autonomamente gli apparati. La formazione sarà effettuata in collaborazione con il Politecnico di Torino, che metterà a disposizione un gruppo di studenti borsisti che, oltre a rigenerare i pc (regalati dalla banca Intermobiliare)  e istallare i laboratori, forniranno un supporto tecnico alle scuole.

Mezzalama li ha definiti “bidelli tecnologi” perché con la loro presenza costante, anche da remoto, sapranno risolvere piccoli e grandi problemi e ha aggiunto: “ I nostri figli ricevono informazioni attraverso strumenti paradigmatici diversi da quelli che vedo, quindi se uno strumento cambia deve cambiare anche il modello, dunque la didattica”. “La tecnologia è la leva al cambiamento che dobbiamo sfruttare per cambiare i processi che ci sovrastano e dare un futuro diverso ai nostri figli” ha concluso. Pensiero condiviso da Gallo che ha ricordato il supporto del suo assessorato ai progetti che coinvolgono le scuole come  “Scuola 2.0” o il borsellino elettronico.  Sul fronte della Didattica 2.0 sarà definito un indice di software didattici condivisa con gli insegnanti e la loro formazione per utilizzare gli ambienti e la nuova didattica digitale.

Tag: , , , ,

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007 | Condizioni d'uso, privacy e cookie

Scroll to top