Ti trovi qui: Home » Torino cambia » Le nuove Ogr, un grande teatro aperto tutto l’anno

Le nuove Ogr, un grande teatro aperto tutto l’anno

di Gino Strippoli

Sarà un grande teatro fruibile  al coperto in città aperto12 mesi all’anno con 1000 posti a sedere e 2mila e 700 in piedi. E’ un progetto impegnativo sia dal punto di vista economico che progettuale. Gli interventi che si realizzeranno faranno diventare le OGR un grande patrimonio per la Città per eventi culturali di ogni tipo”. Questa la sottolineatura dell’assessore alla Cultura Maurizio Braccialarghe durante i lavori della V Commissione consiliare. Oggetto della discussione la presentazione del progetto OGR. Era presente il segretario generale della Fondazione CRT  Massimo Lapucci che ha illustrato lo stato dell’arte   del Cantiere OGR.

ogr1La Società OGR-CRT – ha ricordato Lapucci –  ha avviato un primo progetto finalizzato al solo recupero e alla messa in sicurezza degli immobili. Successivamente la Fondazione CRT, attraverso la Società OGR-CRT, in considerazione  della rilevanza dell’iniziativa della Città ha deciso di attuare un programma di profonda ristrutturazione e messa in “compatibilità” degli immobili in funzione  della nuova missione, destinando importanti risorse finanziarie. In attuazione a tale scelta è stato sviluppato un progetto che prevede interventi e opere con alto contenuto innovativo e tecnologico, finalizzati ad estendere a tutto l’anno il periodo di utilizzo degli edifici e ad offrire la massima fruibilità degli spazi al pubblico”.

Infatti gli interventi  che si faranno sono di elevato grado di complessità tra i quali l’impianto di climatizzazione, realizzato  su una superficie di 20 mila metri quadrati, 5 km di tubazioni e la sostituzione integrale delle coperture per circa  24 mila metri quadrati.

OGR-2Tre gli assi  in cui si sviluppa il progetto delle Nuove OGR: la Manica nord, ovvero una piattaforma di coproduzione culturale e creativa basata sull’incontro e confronto fra discipline differenti e sulle coproduzioni dei contenuti con gli enti del territorio. Tra le aree coinvolte ci saranno le arti performative, musica e teatro ( eventi live), l’audiovisivo, l’architettura e design, la fotografia, gaming.        La Manica sud  adibita a centro dedicato all’innovazione e alle nuove tecnologie, ai processi di accelerazione di impresa e alla social entrepreneurship. Sono previsti un hub finalizzato a creare un punto di incontro tra imprenditori, investitori e business angel e spazi destinati a start up. Infine i terzo asse  che sarà il Transetto cioè un luogo di incontro che ospiterà la ristorazione, la caffetteria e attività coerenti con l’offerta culturale e creativa delle OGR.

Tag: , , , ,

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007
Condizioni d'uso, privacy e cookie | Impostazione cookie

Scroll to top