Ti trovi qui: Home » Sport » Nel 2025 Torino ospiterà nuovamente le Universiadi invernali

Nel 2025 Torino ospiterà nuovamente le Universiadi invernali

Tra meno di tre anni Torino ospiterà nuovamente le Universiadi invernali, manifestazione che nel 2007 portò sotto la Mole oltre duemila e seicento atleti in rappresentanza di cinquantuno nazioni. Per avvicinarsi a grandi passi all’evento, ieri a Casa Tennis, spazio sportivo, culturale e gastronomico allestito all’interno di Palazzo Madama, sono intervenuti il presidente del CUS Torino Riccardo D’Elicio e il vice rettore per il Welfare dell’Università degli studi Alberto Rainoldi.

La manifestazione si terrà dal 13 al 23 gennaio 2025 in cinque località: Torino, Pragelato, Bardonecchia, Pinerolo e Torre Pellice. Nove le discipline in cui gli atleti si dovranno cimentare, a cui si aggiungeranno tre opzionali fra cui lo snow volley. Il 22 gennaio del prossimo anno una delegazione torinese sarà a Lake Placid e ritirerà la bandiera dell’Universiadi che sarà poi consegnata nelle mani di chi organizzerà la manifestazione nel 2027.

Per l’occasione sono stati scelti cinque colori freddi perché legati alla fiducia e alla sicurezza. Quello primario è il giallo che richiama la leggerezza ed è associato al sapere. Il verde rappresenta la vita che continua e si rinnova ma è anche il segno dell’equilibrio e di crescita, per questo è associato alla giovinezza. Il blu è associato all’intelletto, alla calma, alla stabilità e favorisce il fluire dell’energia. Il rosa è il simbolo della speranza e incute sicurezza e ottimismo. Il viola è il colore della saggezza e della magia, ma anche del lusso, della nobiltà e della bellezza. Tutte le discipline sportive di Torino 2025 avranno le loro tinte di riferimento. Il rosa e il viola sono saranno associati alle discipline indoor degli sport del ghiaccio. Il blu rappresenterà quelle della neve outdoor.

Ma non è tutto perché è stato indetto concorso TO25 Brain Storm a cui potranno partecipare quattro componenti, di cui due ragazze, e gli obiettivi da raggiungere saranno: 1) Costruire una nuova forma di partecipazione con cui tentare di risolvere alcuni grandi problemi della vita contemporanea; 2) Allargare il concetto di competizione universitaria associando a quella sportiva anche quella intellettuale; 3) Selezionare alcuni talenti internazionali che si ricordino di Torino come luogo di lancio della propria carriera di ricercatori universitari al servizio della collettività; 4) Fare di Torino la città dello sport universitario associando affiancando anche le discipline intellettuali. I temi su si batteranno i concorrenti per raggiungere il gradino più alto del podio saranno la sostenibilità, inclusività, innovazione e dimestichezza con i mezzi di comunicazione digitali.

Marco Aceto

© Torino Click - Agenzia quotidiana della Città di Torino - Registrazione del Tribunale di Torino n.97 del 14/11/2007
Condizioni d'uso, privacy e cookie | Impostazione cookie

Scroll to top